La voce della democrazia

07.05.2017

Com' è vero che vi siano svariati modi di percepire uno stesso evento o fenomeno!

In una sperduta, brulla o semi-desertica landa, un improvviso fragore porta subito a pensare che la storia stia bussando alla porta, che i moti geo-politici stiano trascinando un villaggio di pastori - che galleggia sul petrolio o che si trova sulla strada che lo trasporta - al centro della corsa verso la modernità.
In una capanna di quella sperduta, brulla o semi-desertica landa, il fragore improvviso porta subito a temere di aver visto per l' ultima volta il proprio padre quando è uscito per andare al mercato; di aver salutato la propria madre per l' ultima volta quando è uscita per andare al pozzo; di aver dato, senza saperlo, l' ultimo bacio al proprio figlio che andava a giocare con gli amichetti.
In un appartamento-tipo del mondo civile, lo stesso fragore - giunto tramite la mediazione di uno schermo televisivo, simile a tutti gli altri che distrattamente arrivano da posti tutti uguali - quel fragore così diverso da quello tremendo di Parigi o di New York, non desta la stessa attenzione e passa quasi inosservato.
Inosservato in quasi tutte le case del mondo civile tranne quelle in cui il fragore sullo schermo si accompagna al botto di una bottiglia di vino pregiato stappata per festeggiare nuovi ordinativi in arrivo (che siano di esplosivi, di materiale per la ricostruzione o altro).
Di fronte allo schermo, il figlio dell' Illuminismo e di Montesquieu, guarda distrattamente il proprio Paese combattere una guerra difensiva - a migliaia di chilometri dai propri confini. Magari un po' di stupore nasce dal fatto che, chi riceve tali attenzioni da parte dei nostri caccia, sia tanto ingrato da piangere e urlare invece che osannare chi porta pace e civiltà.
Ma subito il pensiero vola altrove, poiché lo schermo propone immediatamente dopo la barbara aggressione al suolo patrio, alla cultura e alle tradizioni europee, da parte di un centinaio di profughi in gommone: senza limiti è ormai l' offensiva di cui l' Occidente è vittima!

Di fronte alla colonna di fumo che stenta a scomparire dopo molti minuti dallo scoppio, all' abitante ignaro della sperduta, brulla o semi-desertica landa, viene detto che per la prima volta nella sua vita ha sentito la voce della democrazia.